CULTURA POLITICA    
  FILOSOFIA    
  SOCIOLOGIA   

  Critica minore
  Direttore responsabile: Arnaldo Guarnieri
  Sede: Via Cacciadenno, 18 - 25133 Brescia
  Tel / Fax 030.2004662
  CF: GRNRLD34E16E897F

  info@criticaminore.it


  CREDITS
15.02.2009

                    

                    P o e s i e    
                            
                            d a l    m o n d o 



Philippe Jaccottet, Olav H. Hauge, Silvia Bre, Roberta Dapunt, Alessandra Giappi, Robert Gernhardt, Anna Beozzi, Donata Marangoni Negretti, Marie Chantal Zezet – Agou in Kaffe, Klaus Merz, Katherine Mansfield, Maya Bejerano, Dalia Rabikovitch, Mahmoud Darwish


di Redazione letteraria

    


Philippe Jaccottet

Dal numero 233 della Rivista "Poesia", per gentile concessione della Direzione e dell’Editore Crocetti, riproduciamo alcune composizioni di Philippe Jaccottet, che, in apertura del numero di dicembre 2008 della rivista, sono precedute da una nota esauriente e illuminante a firma di Fabio Pusterla. 




            Portovenere 

            Di nuovo cupo il mare. Tu capisci, 
            è l’ultima notte. Ma chi chiamo? A nessuno 
            parlo, all’infuori dell’eco, a nessuno. 
            Dove strapiomba la roccia il mare è nero, e rimbomba 
            in una campana di pioggia. Un pipistrello 
            urta come stupito sbarre d’aria, 
            e tutti questi giorni sono persi, lacerati 
            dalle sue ali nere, a questa gloria 
            d’acque fedeli resto indifferente, 
            se ancora non parlo né a te né a niente. Svaniscano 
            questi "bei giorni"! Parto, invecchio, che importa, 
            il mare dietro a chi va sbatte la porta. 




                                                L’ignorante   

                                                Più invecchio e più io cresco in ignoranza, 
                                                meno possiedo e regno più ho vissuto. 
                                                Quello che ho è uno spazio volta a volta 
                                                innevato o lucente, mai abitato. E il donatore 
                                                dov’è, la guida o il guardiano? Io rimango 
                                                nella mia stanza, e taccio (entra il silenzio 
                                                come un servo che venga a riordinare), 
                                                e attendo che a una a una le menzogne 
                                                scompaiano: cosa resta? Cosa rimane a questo moribondo 
                                                che gli impedisce ancora di morire? Quale forza 
                                                lo fa ancora parlare tra i suoi muri? 
                                                Potrei saperlo, io, l’ignaro e l’inquieto? Ma la sento 
                                                parlare veramente, e ciò che dice 
                                                penetra con il giorno, anche se è vago: 

                                                "Come il fuoco, l’amore splende solo 
                                                sulla mancanza, e sopra la beltà dei boschi in cenere…"





Olav H. Hauge (1908 – 1994)

"E’ nato in Norvegia nel 1908 ed è morto nel 1994: la sua esistenza ha dunque abbracciato quasi l’intero XX secolo e si è svolta tutta nel comune agricolo di nascita, Ulvik, all’interno del Hardangerfjord, nel Vestland. La vita e il paesaggio di questo grande e ramificato fiordo occupano uno spazio importante nell’arte e nella letteratura norvegesi." […] (dall’introduzione al poeta Hauge a cura di Idar Stegane nel numero 233 della Rivista "Poesia").

Per gentile concessione della Direzione e dell’Editore Crocetti riproduciamo alcune composizioni (traduzione di Fulvio Ferrari).
     




            La tua strada 

            Nessuno ha segnato la strada 
            che tu devi percorrere 
            verso l’ignoto, 
            verso l’incerto. 

            Questa è la tua strada. 
            Solo tu 
            puoi percorrerla. E non 
            puoi tornare indietro. 

            E non segni la strada, 
            nemmeno tu. 
            E il vento cancella le tue impronte 
            sulla montagna deserta.     




                                                In barca 

                                                Il mare rumoreggia nel buio. 
                                                Uscire in barca ora? 
                                                Impossibile. 
                                                Sì, proprio ora. 
                                                La notte si apre, fa spazio. 
                                                Il cielo alza un muro a occidente. 
                                                La luna si mostra luminosa – 
                                                Ora deve accadere. 




            Canto, cammina adagio sul mio cuore 

            Canto, cammina adagio sul mio cuore, 
            cammina adagio come erica sull’acquitrino, 
            come un uccello su ghiaccio vecchio d’una notte. 
            Se spezzi la crosta del dolore 
            annegherai, canto.                   




                                                La falce 

                                                Sono tanto vecchio 
                                                da non lasciare la falce. 
                                                Canta sommessa nell’erba, 
                                                e i pensieri possono correre. 
                                                Non fa nemmeno male, 
                                                dice l’erba, cadere sotto la falce.                 



            Non darmi tutta la verità 

            Non darmi tutta la verità, 
            non darmi il mare per la mia sete, 
            non darmi il cielo, quando chiedo la luce, 
            dammi un riflesso, rugiada, pulviscolo, 
            come gli uccelli portano gocce d’acqua 
            e il vento un granello di sale.



Silvia Bre

Nata a Bergamo, vive da molti anni a Roma. Lavora come traduttrice di testi letterari e scientifici. Le sue poesie sono apparse fin dai primi anni Ottanta su riviste come "Braci", "Prato pagano", "Nuovi argomenti", "Poesia". Nel 1990, presso l’Editore Rotundo è uscita la sua prima raccolta, I riposi. Ha pubblicato negli Oscar Mondadori una traduzione del Canzoniere di Louise Labé.
 

Nell’anno 2001, Giulio Einaudi Editore pubblica: "Le barricate misteriose" di Silvia Bre. Per gentile concessione dell’editore, riproduciamo alcuni testi. Una raccolta di poesie che rivela grande padronanza, da parte dell’autrice, del momento lirico, nonché maturazione espressiva compiutamente conseguita. L’ispirazione è controllata e garantita dallo stile mentale e da una perenne attenzione alla sorgività della visione poetica. (A.G.)
 

                    Il testo delle poesie scelte non può essere qui riprodotto 
                    per motivi inerenti al campo dei diritti editoriali. 
                    Il lettore potrà trovarlo nel numero 17 e 18 
                    di "Critica minore", in veste tipografica. 
                                            
                                                                        (La Redazione)
                    




Roberta Dapunt

E’ nata in Val Badia nel 1970. Ha pubblicato le raccolte di poesia OscuraMente (1993) e la carezzata mela (1999).

Giulio Einaudi Editore ha pubblicato nel 2008 "La terra più del Paradiso" dalla quale, per gentile concessione dell’editore, sono tratte le poesie di seguito riprodotte. […]"La voce di Roberta Dapunt non viene dai circoli poetici e letterari delle grandi città, non è levigata, non adotta intonazioni alla moda: forse anche per questo suona così nuova, autentica e pregnante, e si segnala tra le più interessanti della recente poesia italiana".           





                    Il testo delle poesie scelte non può essere qui riprodotto 
                    per motivi inerenti al campo dei diritti editoriali. 
                    Il lettore potrà trovarlo nel numero 17 e 18 
                    di "Critica minore", in veste tipografica.
 
                                                                        (La Redazione)
                                      


Alessandra Giappi

Nata nel 1959 a Brescia, dove vive. Ha pubblicato La forza delle cose (in "Sette poeti" del Premio Montale, Edizioni Scheiwiller, 1987), Il fuoco e la misura (Edizione la Quadra, 1992), Nel vento millenario (Edizione Facchin, 2002).
Insegna Antropologia culturale alla Libera Accademia di Belle Arti di Brescia.
 
Riproduciamo, per gentile concessione delle Edizioni L’Obliquo di Brescia, alcune poesie tratte dalla raccolta: "Il canto della terra", 2005.     




            (il canto della terra)
 
            Si allunga l’ombra sul grano. 
            Da qui si può sentire 
            il canto della terra.     


                                                                            (la porta sul cortile)   

                                                                            Si apra quella porta sul cortile 
                                                                            che solo per passione si spalanca, 
                                                                            ed entri allora a cerchio un’aria fragile, 
                                                                            come di foglie già staccate 
                                                                            o non formate ancora, 
                                                                            nel colmo alto dell’inverno.     



            (verso Londra)   

            Ha ancora fame di vita la vecchia 
            nera con la grande valigia 
            resistente ai corvi poderosi nel vento, 
            da sempre presente quest’ora scandita 
            dai cento big ben nelle aiole di Birmingham. 
            O sorte, o deserto, e nessuno che saluti 
            alla partenza, che preghi per l’angelo, 
            per la sua pulita povertà. 

                                                        
                    
                                                        (settembre, domenica) 

                                                        Questo che a tratti s’abbuia e a tratti ci consola 
                                                        cielo di Lombardia, 
                                                        sgranato oggi sul parco 
                                                        obliquamente rivela le figure: 
                                                        parvenze bionde di rivali, 
                                                        imprendibili fanti, 
                                                        volpi domestiche, fanciulli 
                                                        ridenti per favole straniere. 
                                                        E’ una festa immota come tante 
                                                        ne prepara il secolo. 
                                                        Né c’è rimedio all’anno 
                                                        che senza allarmi scivola.  
 


            (giallo e viola) 

            Niente più delle nuvole e del bosco 
            dica il canto, più del sonno e della veglia, 
            sia colmo come il giallo e come il viola 
            dei frutti sul tavolo; 
            e spicchi il volo a filo d’acqua, tocchi 
            l’altra riva e porti qui la musica del luogo, 
            il suo tormento, anche: la sua attesa. 
            Meglio che manchi il giorno 
            piuttosto che il canto sia lontano          






Robert Gernhardt (1937 – 2006)
 

"La pittura, il fumetto e la poesia sono state le grandi passioni di Robert Gernhardt, nato nel 1937 a Reval in Estonia e scomparso a Francoforte sul Meno nel giugno 2006. […] La sua fu una vita caratterizzata, agli inizi, dalla drammaticità degli avvenimenti bellici e, soprattutto, dalla morte del padre avvenuta nel 1945. Nello stesso anno la madre fugge con i figli nei pressi di Hannover, il giovane Robert intraprende lo studio accademico della pittura e della germanistica a Stoccarda e poi a Berlino. Si stabilisce a Francoforte sul Meno, diventa redattore della rivista satirica "Pardon" e svolge, quindi, la libera professione di pittore, disegnatore, caricaturista e autore di versi e prosa. E’ uno spirito poliedrico, dai molteplici interessi e dalle diverse sfere d’azione che variamente si intersecano tra di loro." […] (dalla nota a pag 11 del numero 224 della Rivista "Poesia" a cura di Gio Batta Bucciol).
Dallo stesso numero della Rivista del febbraio 2008, riproduciamo alcune liriche, per gentile concessione della Direzione e dell’Editore Crocetti.
 



            Collina funesta 

            Io sulla mia collina, 
            nudo e vulnerabile. 
            Ogni rumore mi colpisce, 
            ogni luce mi ferisce. 
            Ogni disagio 
            cresce e si addensa, 
            mi scorge e a me si volge, 
            mi insegue e incalza. 
            Di solito oppongo resistenza. 
            Ma non qui e non ora. 
            Non sulla mia collina, non nudo e vulnerabile.         




                                                                        Al lago 

                                                                        Meriggio. Pace estiva. 
                                                                        Calma dell’anima. Cielo di favola. 
                                                                        Tutto tace e perfino le foglie 
                                                                        del pioppo bianco ammutoliscono. 

                                                                        Ideale troppo immobile. 
                                                                        Totalità troppo sommessa. 
                                                                        Non fosse per il balzo d’un pesce, 
                                                                        per i leggeri cerchi nell’acqua.                     



            Bianco su bianco 

            Quando gonfio di pioggia 
            il grappolo dell’acacia, 
            candida di fioritura, 
            si curva a tal punto che l’accoglie 
            il piatto corimbo del bianco sambuco, 
            non si sa, in tutto quel biancore, 
            chi pende e chi sorregge. 
            Tanto è chiaro: l’intrecciarsi 
            dei fiori bianchi è il puro contrario di ogni dire, 
            interpretare o scrivere, 
            è pura evidenza. 
            Nulla da portar felici a casa, 
            bianco su bianco.   

            (da: Nella Felicità e altrove)           



                                                                        Trattamento del dolore 

                                                                        Non dolore galoppante 
                                                                        non dolore bruciante 
                                                                        però 
                                                                        dolore vagante 
                                                                        dolore che cova sonnecchiante. 
                                                                        Ma 
                                                                        un dolore è dolore 
                                                                        e 
                                                                        resta dolore. 
                                                                        E se quel che vaga 
                                                                        può 
                                                                        cominciare a galoppare 
                                                                        e 
                                                                        quel che cova 
                                                                        a bruciare 
                                                                        allora, 
                                                                        prudente e paziente 
                                                                        previdente e provvidente, 
                                                                        tratta il vagare disordinato del dolore, 
                                                                        il fare inconcludente 
                                                                        del suo sonnecchiare, 
                                                                        come 
                                                                        tratteresti 
                                                                        un vulcano, 
                                                                        un rapace, 
                                                                        un bambino.          






Anna Beozzi


Nata a Verona nel 1957. Vive e lavora a Brescia.
Le poesie proposte sono tratte dalla raccolta: "Solo questo mare" (2004 – 2007).

L’imminenza del "mare" sulle immagini, sui profumi e sui sentimenti, è il "punto lirico" di fondo dell’autrice. Esso sostiene tutta l’ispirazione e il suo intreccio espressivo. Il linguaggio non è certo privo di destrezza nel rispetto del ritmo e nel rimando ad una matura vocazione poetica. (E.F.) 



                                        Colore di cielo   

                                        Aspro di roccia nel mare 
                                        che si impugna come spada affondata, 
                                        colore di cielo nascosto e fugace 
                                        ad occhi immaturi come luce distratta. 

                                        Ti tolgo di mano lo sguardo 
                                        indifferente ad ogni ritorno 
                                        di luna fiaccata dal vento del giorno, 
                                        e sbiancata nei rotoli d’acqua 
                                        che trascinano a riva anche un poco di terra. 

                                        Colore di cielo maturo, 
                                        che confonde i desideri del giorno 
                                        quando spegne la sera in ogni luna diversa. 

                                        I miei occhi ancora non conoscono 
                                        quanta di questa terra, scossa nel vento 
                                        vada da sola al mare 
                                        e quanta ritorni in sé lenta e fine di sabbia.   

                                        Sardegna, maggio 2004   


            Legami 

            Immagini intime 
            colorano 
            pensieri estranei. 
            Sentimenti di mare 
            segnano il fondo 
            di notti inquiete. 

            Nulla di vero 
            chiede 
            di essere ricordato. 

            Si accalcano 
            di inutili speranze 
            gli affanni 
            dei nostri puntigli.

            Marciana Marina, agosto 2005




                                                                                Anima 

                                                                                Corri  
                                                                                dove il vento 
                                                                                ha ripercorso 
                                                                                notti insonni. 

                                                                                Tu che conosci 
                                                                                a senso 
                                                                                le onde più profonde 
                                                                                che trasudano 
                                                                                in ritorni di spuma. 

                                                                                Ritorci in bocca 
                                                                                acciuleddi dorati. 
                                                                                Ripara lo sguardo 
                                                                                sotto le tamerici 
                                                                                annodate. 

                                                                                Anima 
                                                                                piena di sole 
                                                                                che nei colori 
                                                                                non ricordi 
                                                                                quanto cielo 
                                                                                si possa 
                                                                                ancora perdere. 

                                                                                Sardegna, maggio 2004             



        Donna di Najaf 

        La stoffa del velo arrotola 
        e confonde il tuo profilo 
        con le paure della notte. 

        Copri le ceste intrecciate 
        con foglie di eucalipto 
        e conserva nel secchio di legno 
        latte odoroso di polvere. 

        A sera ti ricorderai 
        del Dio dei vecchi racconti 
        quando la lampada colerà olio 
        per illuminare le stuoie. 

        Confusi nel gioco 
        i bambini sognano ombre, 
        color cenere 
        addolcite dal mirto. 

        Difenditi donna di Najaf 
        dalle leggende narrate 
        e ciò che riceverai 
        avrà il nome 
        che ricordi.   

        Marzo 2006                       

                                                                                

                                                                                Solitudine
 

                                                                                Sconvolti 
                                                                                pensieri di rimpianto 
                                                                                affrettano 
                                                                                il passo. 

                                                                                Fresche 
                                                                                giovani voci 
                                                                                sconosciute 
                                                                                inquietano sguardi e respiri. 

                                                                                Ascolto 
                                                                                dalla casa più antica 
                                                                                nuove risate 
                                                                                ostili alla volontà. 

                                                                                Accolgono 
                                                                                ogni scorcio 
                                                                                di paura. 

                                                                                Non mi è permesso 
                                                                                pensare 
                                                                                di morire.   

                                                                                Liguria, settembre 2007                  





Donata Marangoni Negretti

Nasce a Brescia nel 1964. Ha pubblicato poesie su varie riviste culturali tra cui: "Poesia contemporanea" e "Punto e virgola".
Si è segnalata in occasione di premi e concorsi di poesia. 


                                                        Spirali e poesia 

                                                    Apri gli occhi Amore 
                                                                vedi? 
                                            Languide spirali di vento si levano 
                                                    nubi d’ombra giostrano 
                                                     sfuma, decade il verde 

                                     Rondini libere e belle – come sogni infantili 
                                            compongono aquiloni frettolosi. 

                                                    Vedi, dolce tesoro? 
                                             Scorre infaticabile la natura 
                                                sbuffando pigre foschie 
                                         Autunno profuma botti in rovere 

                                        Ti presto gli occhi amore, osserva: 
                                ninfee galleggianti impreziosiscono contorni 
                                                    d’acque dorate. 
                                                  Vanitoso, placido 
                                            quadro limpido della terra… 
                                    Luna matrona raddoppia le sue forme 
                                                    nel ventre pregno 
                                            di giovani spose contadine 

                                                Tra filari bruni, canti 
                                          di fine vendemmia seminano 
                                                      gioia nell’aria 

                                                E tu, maturi, in bocca, 
                                                      nei prati color 
                                dei castagneti che son ghirlande a terra, arse 
                                                  da timide fiammelle. 

                                  Spettacolare autunno pigramente offusca. 
                                Apri gli occhi amore, coltiva il gusto raffinato 
                                                delle nostre malinconie. 

                                          Trionfo vaporoso scalda i fiati 
                                              tratteniamo scie di sospiri 
                                               Ecco, …la sera ci parla 
                                                  con un filo di voce.                                                          




Marie Chantal Zezet – Agou in Kaffe


Nasce in Costa d’Avorio nel 1970.
Sposata con Edmond Kaffe vive a Brescia da otto anni.
La sua poesia nasce come una riflessione sulle tematiche fondamentali dell’esistenza: un’invocazione, una preghiera ad un Io superiore che ci guidi nel percorso di una vita più giusta per tutti. Centrali sono i temi dell’immigrazione e della sua terra l’Africa.
Nell’ottobre 2006 scrive la sua prima poesia "Nobiltà ti saluto".
Nel dicembre 2007 vince il Concorso Comune di Brescia - Ufficio Immigrati (con premiazione alla Tenda dei Popoli – Piazzale Chiesa San Faustino) con la poesia: "Sogno una vita solare".


                                    Nobiltà ti saluto   

                                    Pelle nera colore caramello 
                                                Colore caffè 
                                                Colore cacao 
                                                Colore petrolio 
                                                                        Nobiltà ti saluto 

                                    Pelle nera simbolo di malattia 
                                                Simbolo di fame 
                                                Simbolo di sete 
                                                Simbolo di povertà 
                                                                        Nobiltà ti saluto 

                                    Pelle nera vestito di cerimonia 
                                                Vestito di tristezza 
                                                Vestito religioso 
                                                Vestito di ispirazione 
                                                                        Nobiltà ti saluto 

                                    Pelle nera gesto d’insicurezza 
                                                Gesto d’inferiorità 
                                                Gesto d’insufficienza 
                                                Gesto di lamentazione 
                                                                        Nobiltà ti saluto 

                                    Pelle nera tu sei la culla dell’umanità 
                                                Tu sei la Speranza ineguagliabile 
                                                Tu sei la fonte inesauribile 
                                                Tu sei il rifugio della coscienza   

                                    Pelle Nera AMORE PASSIONE AMAREZZA 

                                    tu che servi tutti i giorni l’umanità 
                                    fai di te il centro della terra 

                                                                        Nobiltà ti saluto
                                                      





Klaus Merz


"Nato nel 1945 ad Aarau, in Svizzera, dove vive tuttora, Klaus Merz è autore di prosa e di versi, di radiogrammi e sceneggiature; ha scritto numerosi reportage, articoli giornalistici e storie brevi per "du" e altre riviste.
[…] Ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti: Aargauer Literaturpreis nel 1992, Zürcher Buchpreis nel 1994, Solothurner Literarturpreis nel 1996, Preis der Schweizerischen Schillerstiftung nel 1997, Hermann Hesse - Literarturpreis nel 1997, Prix littéraire Lipp nel 1999, Gottfried Keller-Preis, Aargauer Kulturpreis nel 2005." Nel numero 225 della Rivista "Poesia" (marzo 2008), la presentazione a firma di Riccarda Novello - che ha curato anche la traduzione - apre alla lettura dei testi, alcuni dei quali, per gentile concessione della Direzione e dell’Editore Crocetti, vengono di seguito riprodotti.


            Agosto 

            Lungo i campi 
            divengono di nuovo percettibili 
            le dicerie dei papaveri selvatici, 
            la notte non mi fanno 
            più dormire. 

            Nelle bocche delle nonne 
            si destano le trebbie, 
            mentre io 
            sono senza ricordo, 
            senza lingua. 

            Estate dopo estate 
            mi devo nuovamente 
            ritradurre.   



                                                                                Scrittura 

                                                                                Se la realtà stessa 
                                                                                componesse delle frasi, niente 
                                                                                più ci resterebbe 
                                                                                da raccontare. E 
                                                                                quel che ci fosse da vivere, 
                                                                                sarebbe già vissuto. 



            Invito 

            Tre frasi contro 
            l’indicibile. 

            Un piccolo compendio 
            della propria trascendenza. 

            Forse un po’ di frutta 
            per il dessert. 

            Equipaggiati in tal guisa, 
            gli ospiti dovrebbero 
            apparire alla festa.   


                                                                                Felicità 

                                                                                Questa fiducia ieri, 
                                                                                quando il cielo era così azzurro. 
                                                                                E le case 
                                                                                si lasciavano equilibrare 
                                                                                sul palmo della mano.   


            Make up 

            Noi ritocchiamo 
            le sopracciglia 
            e il crespo 
            davanti alla fronte. 

            Quel che ci avvicina in volo, 
            rimane impigliato 
            nella rete, 

            il velo 
            articola 
            la vista. 

            Dietro le maglie 
            qualcosa diviene 
            tollerabile.






Katherine Mansfield


Nata nel 1888 in Nuova Zelanda, in una strada periferica di Wellington, la tipica arteria residenziale con case coloniali di legno e giardini virenti. Più tardi mosse fuori della città, a Karori. La campagna isolana, che ammirava ma che detestava pure per la gente squallida, si convertì negli ultimi anni (vivendo nell’altro emisfero) in sorgente d’ispirazione primaria per i suoi racconti e di conforto per il suo spirito.[…]
Si spense nel 1923 a Fontainebleau, dopo una peregrinazione sfiduciata in villette e sanatori della riviera mediterranea e della Svizzera.

E’ di Giulio Einaudi Editore la pubblicazione: "Poemetti", a cura di Gilberto Altichieri (Torino 1970).
Per un approfondimento si rimanda alla Nota bio-bibliografica e alla Prefazione a firma del curatore, contenute nelle pagine introduttive del testo, da cui, per gentile concessione dell’Editore, sono tratte le poesie qui riprodotte.
     





            L’alterco 

            Irreparabile sembrava la nostra disputa: 
            Rendeva la stanza piccola e meschina, 
            I libri, i mobili, la lampada 
            Pure immagini appartenenti al muro,
 
            Accalcate su noi sedute 
            Spaventate e bianche, faccia a faccia. 
            "Che te ne stai?" ella disse, "il mio nido 
            Non sarà mai per il tuo riposo". 

            "A dividerci per sempre solo ti chiedo, 
            Katinka, di camminare con me una volta estrema". 
            Così, giù nella nera strada di casa 
            Misurammo insieme il passo silenzioso. 

            Gli astri reggevano in delirio il firmamento. 
            "Katinka mia", trepidai, "guarda lassù". 
            Bambine assetate, a quell’ardente 
            Gigantesca coppa si bevve insieme. 

            "Chi erano quelle bambole?" domandò. 
            "Cos’erano le loro pallide contese?" 
            Ci volgemmo impetuose e ridemmo, 
            Le braccia l’una all’altra tese.         




                                                La candela 

                                                Sulla tavoletta rotonda accanto al mio letto 
                                                La nonna pose la candela, 
                                                E con tre baci, giurandomi ch’eran tre sogni, 
                                                Mi adagiò come godo venir coricata. 
                                                Scomparve; e la porta fu chiusa. 
                                                Giacevo tranquilla, invano uno spazio cedendo 
                                                Al colloquio dei sogni, nella mente. 
                                                Le avevo reso i tre baci, e all’improvviso 
                                                Temetti di aver perduto da sciocca i tre sogni. 
                                                Mi rizzai sul guanciale e la stanza 
                                                Divenne grande, oh più grande assai d’una chiesa, 
                                                E l’armadio alto da solo quanto una casa. 
                                                La brocca sorrideva a me da lontano, 
                                                Ma non era un sorriso d’amica; 
                                                Scricchiolò la sedia di vimini, ov’erano i miei abiti 
                                                Piegati, come in ascolto di qualche cosa: 
                                                Forse s’animava e con le mie vesti intendeva coprirsi. 
                                                Trasaliva alla finestra il mio incubo vero, 
                                                Quanto vi fosse di là non sapevo dire. 
                                                Nessun albero si poteva vedere, ero certa, 
                                                Né adolescente siepe, o compagnevole sentiero. 
                                                Perché la persiana ella chiude 
                                                Ogni sera? Dovevo sapere. 
                                                Dal letto balzando a denti stretti 
                                                Scrutai da una fessura: 
                                                Non c’era nulla da vedere, 
                                                Se non centinaia di candele amiche, tutte lassù 
                                                Nel cielo, in memoria dei bambini paurosi. 
                                                Entrai nel letto e mi ricomposi… 
                                                I tre sogni si destarono intonando un mite coro.         




            Sanary   

            Dalla sua calda stanza dominava la baia 
            Attraverso i fusti delle palme lucenti, 
            Là nell’ardore del sole desiderava giacere, 
            La bruna testa sul guanciale delle braccia, 
            Tenue e immobile da non pensare 
            Sentire e nemmeno sognare. 

            Il barbaglio del mare scolava sbandato 
            Sotto il cielo, e il ragno del sole, 
            Spinto da una stizzita fame, 
            Risaliva la cupola a filare e filare. 
            Anche ad occhi chiusi ella lo scorgeva 
            E come mosche prigioniere i fragili natanti. 

            All’ora morta nessuno passa 
            Laggiù nella strada polverosa, 
            Un profumo stremato di mimosa 
            Langue nell’aria, ma dolce – così dolce.
 


                                                            Il golfo   

                                                            Un golfo di silenzio ormai ci separa: 
                                                            Io su una sponda e tu all’opposta vivi, 
                                                            non ti vedo né ti odo, a stento so che ci sei. 
                                                            Col tuo nome antico ti chiamo ognora 
                                                            E l’eco di me pretendo sia la tua voce. 
                                                            A varcarlo forse c’è modo? Mai con la parola 
                                                            O il senso. Così di pianto lo potremmo colmare. 
                                                            Ma ora voglio frantumarlo con un’alta risata.    





Nel 2007 Giulio Einaudi Editore ha pubblicato: "Poeti Israeliani".
Riproduciamo, per gentile concessione dell’Editore, due poesie, tratte dal volume, precedute da una breve biografia delle rispettive autrici.
Il curatore della raccolta, Ariel Rathaus, è nato a Roma nel 1949. Vive a Gerusalemme dove ha insegnato letteratura italiana presso la Hebrew University. Ha pubblicato numerosi studi sulla poesia ebraica fra tardo Rinascimento e Barocco, e un libro di poesie in ebraico. 

                                                                _________  


Maya Bejerano (1949)

Nata nel 1949 nel kibbutz Eilon, nell’infanzia vive a Giaffa e ora vive a Tel Aviv. Dopo il servizio militare prestato nell’Aeronautica, studia Letteratura e Filosofia all’Università Bar Ilan, e quindi Biblioteconomia all’Università di Gerusalemme. Ha insegnato Letteratura nelle scuole e oggi lavora come bibliotecaria a Tel Aviv. Le sono stati assegnati il Premio del Primo Ministro nel 1986 e nel 1996, nonchè il Premio Bialik nel 2002. 

                        Il testo delle poesie scelte non può essere qui riprodotto 
                        per motivi inerenti al campo dei diritti editoriali. 
                        Il lettore potrà trovarlo nel numero 17 e 18 
                        di "Critica minore", in veste tipografica. 

                                                            (La Redazione)                



Dalia Rabikovitch (1936 – 2005)

Nata a Ramàt Gan, sobborgo di Tel Aviv, all’età di sei anni resta orfana del padre morto in un incidente stradale e passa a vivere con la famiglia nel kibbutz Ghèva. Laureatasi in lingua e letteratura ebraica all’Università di Gerusalemme, svolge attività didattica nelle scuole e si occupa di critica letteraria e di traduzione, soprattutto di libri per l’infanzia. Sin dagli anni Settanta è considerata una delle figure centrali della poesia israeliana, e nel 1998, quando le viene assegnato il Premio Israele, i membri della giuria la definiscono "una delle colonne portanti della lirica ebraica".           

                Il testo delle poesie scelte non può essere qui riprodotto 
                per motivi inerenti al campo dei diritti editoriali. 
                Il lettore potrà trovarlo nel numero 17 e 18 
                di "Critica minore", in veste tipografica. 

                                                            (La Redazione)
                                              




Nel 2002 Manifesto Libri ha pubblicato la prima antologia di letteratura palestinese contemporanea in Italia (Aa. Vv. La terra più amata – Voci della letteratura palestinese). Riproduciamo, per gentile concessione dell’Editore, due poesie, tratte dal volume, precedute da una breve nota sull’autore .
 


Mahmoud Darwish (1941 – 2008)

Era nato il 13 marzo 1941 ad Al Birweh, in Galilea, allora sotto mandato britannico e oggi nel nord di Israele. E’ morto negli Stati Uniti all’età di 67 anni. Era uno dei più grandi poeti contemporanei in lingua araba, con una produzione segnata dai drammi dell’esilio e dell’occupazione vissuta dal popolo palestinese.
Darwish aveva acquisito notorietà internazionale con circa 30 opere tradotte in 40 lingue.
Ad una domanda del pubblico accorso numeroso al circolo dei lettori di Torino nel maggio 2007, egli rispose, tra il drammatico e l’ironico, così: "I miei critici mi accusano di essermi sbarazzato della causa palestinese, ma non è così. Ho fatto e farò le mie battaglie però bisogna capire che i palestinesi non sono uno slogan, un mestiere o un argomento. Sono esseri umani. Parlare sempre di chi sono le vittime e chi i carnefici non aiuterà i palestinesi: è più utile raccontare la loro umanità, il loro quotidiano e i loro sentimenti, in modo che le persone si rivedano e così possano capire molto di più del loro dramma".   

                                         Traduzioni di W. Dahmash, G. Scarcia, A. Arioli         


                                                        RITA E IL FUCILE 

                                                        Fra Rita e gli occhi miei 
                                                        un fucile si leva. 
                                                        Chi Rita conosce s’inchina 
                                                        e prega 
                                                        il dio che è negli occhi di miele. 

                                                        Ho baciato una Rita bambina, 
                                                        e lei si è stretta a me, 
                                                        ricordo… i suoi capelli 
                                                        mi coprivano il braccio. 
                                                        Ricordo Rita 
                                                        come l’uccello ricorda 
                                                        la fontana che è la sua. 

                                                        Oh, Rita! 
                                                        Un milione di immagini 
                                                        un milione di uccelli 
                                                        un milione di appuntamenti 
                                                        sono stati assassinati 
                                                        da un fucile. 

                                                        Nome di Rita, festa, 
                                                        per le mie labbra, corpo 
                                                        di Rita, 
                                                        nozze per il mio sangue. 
                                                        Due anni che mi sono 
                                                        perduto in lei. Per due anni 
                                                        lei distesa sul mio braccio. 
                                                        Uniti al fuoco delle nostre labbra, 
                                                        due volte resuscitati. 

                                                        Oh Rita! Chi poteva 
                                                        sciogliere i nostri sguardi, 
                                                        prima che si levasse Un fucile? 

                                                        O notte di silenzio! 
                                                        C’era una volta… 
                                                        all’alba una luna è calata, 
                                                        lontano 
                                                        in occhi di miele, 
                                                        e la città ha cancellato 
                                                        e Rita e le canzoni. 

                                                        Fra Rita e gli occhi miei 
                                                        un fucile si leva.          




                                                        MIA MADRE 

                                                        Ho nostalgia del pane di mia madre 
                                                        del caffè di mia madre 
                                                        della carezza di mia madre 
                                                        ho nostalgia. 
                                                        Cresce l’infanzia in me 
                                                        e m’innamoro della vita 
                                                        chè dovessi morire avrei vergogna 
                                                        del pianto di mia madre. 
                                                        Prendimi 
                                                        dovessi ritornare, 
                                                        potessi un giorno tornare 
                                                        scialle per la tua frangia, 
                                                        copri le mie ossa con erba 
                                                        fatta pura al tuo passo 
                                                        legami 
                                                        con una ciocca di capelli 
                                                        con un filo dell’orlo della veste 
                                                        ché io diventi dio. 
                                                        Divento dio se tocco 
                                                        il tuo cuore. 
                                                        Mettimi 
                                                        dovessi ritornare 
                                                        legna nel fuoco tuo 
                                                        corda al terrazzo di casa. 
                                                        No non so stare senza 
                                                        la preghiera del tuo giorno 
                                                        Sono invecchiato rendimi le stelle dell’infanzia 
                                                        fammi tornare 
                                                        come tornano gli uccelli 
                                                        al nido della tua attesa.




© Copyright Critica minore - Tutti i diritti sono riservati agli autori e/o alle case editrici che hanno gentilmente concesso la riproduzione dei testi.